Sicurezza nelle scuole: il MoVimento 5 Stelle chiede l’accesso agli atti pubblici

Il Movimento 5 Stelle di Bagheria dà inizio ad un’operazione verità sulle condizioni strutturali delle scuole comunali della città.

A seguito della protesta dei genitori degli alunni della scuola Puglisi, per il ritardato avvio della ripresa delle lezioni presso i locali della scuola Tommaso Aiello, il Movimento 5 Stelle ha avuto modo di appurare come i locali di via Consolare, adibiti a sede succursale della Tommaso Aiello, non sembrano, a prima vista, a norma. Da una prima ricognizione sono emerse diverse criticità: prima fra tutte la mancanza di uscite di sicurezza.

A tutela dei minori che saranno trasferiti presso i suddetti locali, a seguito dei lavori di manutenzione attualmente in atto presso la scuola Puglisi, il Movimento 5 Stelle ha richiesto un accesso agli atti presentato dal deputato regionale Salvatore Siragusa presso gli uffici comunali, al fine di verificare se siano state rilasciate le autorizzazioni necessarie per l’utilizzo di questi locali a uso scuola.

Contestualmente, laddove si dovesse appurare che i locali non siano a norma, si procederà con tutte le azioni necessarie, affinché i bambini possano continuare le loro attività didattiche in luoghi più idonei e sicuri.

L’attività di controllo politico del Movimento 5 Stelle sulla documentazione pubblica inizia dalla scuola Tommaso Aiello e si estenderà per tutte le altre scuole comunali.

Occorre garantire il diritto allo studio, ma al contempo offrire strutture adeguate agli alunni, che spesso pagano per la cattiva gestione amministrativa, come hanno dimostrato i recenti fatti di cronaca locale, in relazione alla mancata attivazione dei riscaldamenti nelle scuole.

MoVimento 5 Stelle Bagheria

Versione Stampabile

Commenti

  1. letizia scrive:

    Ragazzi il problema scuole è molto complesso,a Bagheria se facciamo riferimento alla normativa dobbiamo chiuderle quasi tutte le scuole.Abbiamo avuto scuole pericolanti con buchi nei tetti e soffitti pericolanti, con cornicioni e finestre a pezzi e cadenti.Circa quattro anni fa ci sono stati lavori in 5 scuole bagheresi per togliere il pericolo frana e adeguare l’impianto elettrico per permettere ai bambini di andare a scuola.Molte scuole sono in affitto ,il gramisci tra le ultime costruite è in macerie e abbiamo pagato l’affitto alle suore della casa del fanciullo,in affitto sono gli asili di via papa giovanni del cirincione, il tommaso aiello e l’Ignazio Buttitta credo.In pratica il comune paga parecchi soldi di affitto dei locali adibiti a scuole. I bambini sono tanti e le scuole sono poche e tra l’altro fuori norma.La Scianna ha classi di 30 alunni e oltre ed ha corsi ospiti al Baghera.Ora per dividere meglio i ragazzi e ridurre le spese di dirigenza si sta cercando di fare l’accorpamento delle scuole, si stanno creando i circoli comprensivi o tra elementari e medie, credo meglio, o tra medie.Ritengo che siete stati frettolosi con il problema scuole, bisogna conoscere prima di agire.La sicurezza dei ragazzi è importante e vi assicuro che ho lottato in prima persona affinchè le scuole siano in sicurezza ho chiesto l’intervento io personalmente dei vigili del fuoco in alcune scuole.Si è cercato di fare una via di mezzo tra sicurezza e possibilità di mandare i ragazzi a scuola.Il Tommaso Aiello è stato ristrutturato qualche anno fa ma ha un’utenza terrificante e spesso è soggetto ad atti di vandalismo